Supporto Scolastico

Il supporto scolastico non è rivolto a chi presenta difficoltà in una singola materia scolastica, ma è rivolto a studenti che necessitano di un sostegno rispetto al percorso scolastico nella sua interezza, che presentano fragilità, difficoltà di apprendimento o necessitano di tempi e percorsi alternativi o integrabili al percorso di classe prestabilito.  I bambini e i ragazzi possono, in questo modo, studiare con metodologie personalizzate, in un clima sereno e positivo, colmando eventuali lacune e adottando un nuovo modo di relazionarsi alla didattica. Durante questo periodo formativo ritengo sia importante e utile, se possibile, incontrare periodicamente i docenti della classe poiché, ciò che rende un lavoro completo ed efficace, è la condivisione, la progettazione e la cooperazione tra le differenti figure professionali coinvolte.

Supervisione Pedagogica

In contesti socio educativi la supervisione pedagogica permette di delineare, stimolare e sostenere la rilettura delle pratiche educative in maniera progettuale e concreta. La supervisione pedagogica ha l’obiettivo di facilitare il lavoro di équipe attraverso l’ascolto, l’analisi e la gestione delle dinamiche relazionali per individuare, definire e monitorare il progetto pedagogico del servizio, portando ad una riflessione condivisa delle modalità educative, individuandone potenzialità e criticità.

Consulenza pedagogica individuale

La consulenza pedagogica individuale è rivolta a persone che si trovano a dover affrontare una situazione o una condizione di disagio, fragilità o cambiamento che incide sul benessere e sulla qualità della vita del soggetto coinvolto. La consulenza pedagogica ha l’obiettivo di rendere consapevole la persona delle strategie,  delle risorse presenti nonché dei limiti con cui si ha a che fare, permettendogli, così, di affrontare quelle situazioni o quelle fasi della vita che presentano criticità.

Consulenza Pedagogica di coppia

La consulenza pedagogica può essere un utile supporto nei momenti in cui, all’interno di una coppia, emergono problematiche nella comunicazione o nella vita quotidiana. Spesso, le persone coinvolte in una relazione, si trovano a non condividere più le piccole decisioni del presente, collidono di continuo e divergono anche nella visione del proprio progetto di vita, creando una crisi in un sistema, fino a poco tempo prima, funzionale e positivo.

Gli assetti possono rompersi, creando situazioni di stallo che, se  protratte nel tempo, possono compromettere il benessere della coppia causando problematiche maggiori. La consulenza per la coppia permette l’incontro in uno spazio neutrale, dove poter comunicare in modo costruttivo, dando la possibilità di ristrutturare una relazione positiva.

Consulenza pedagogica genitoriale

In una società in rapida trasformazione, caratterizzata da complessità, sollecitazioni e potenzialità molto diverse da quelle vissute anche solo 20 anni fa,  il compito di educare non risulta certo semplice. Essere genitori oggi, alla luce dei mutamenti che coinvolgono le famiglie, è qualcosa che va sostenuto, poiché a volte i genitori si sentono impreparati a fronteggiare i cambiamenti, spesso rapidi e inaspettati, vissuti dai propri figli che, a seconda delle età, richiedono diverse modalità relazionali. La consulenza genitoriale si occupa anche di tutte quelle famiglie i cui figli presentano fragilità o disabilità, per supportarle durante la creazione del progetto di vita e affiancarle nella ricerca di possibili esperienze ricreative, lavorative o abitative. Il ruolo genitoriale viene pertanto sollecitato in diversi ambiti in moltissime esigente, che si fanno ancora più complesse in caso di separazione, dove, nonostante la coppia coniugale smette di essere tale, occorre mantenere una relazione genitoriale, per condividere le linee educative da praticare e le decisioni da prendere, per occuparsi del benessere dei figli, oltre al dolore o alle fatiche relative alla separazione stessa.

Consulenza Pedagogica per bambini e adolescenti

I bambini e gli adolescenti possono attraversare, nel loro sviluppo, fasi complesse, di attaccamento o separazione, di rifiuto o rabbia, di solitudine o ribellione. Spesso queste fasi sono normali e, alle volte, anche necessarie per permettere una strutturazione autonoma della loro personalità.  Queste fasi di cambiamento però, possono anche essere molto critiche, causando malessere non solo al minore coinvolto ma anche all’intero gruppo famiglia. Per questo può essere utile un sostegno professionale rivolto ai genitori, per riflettere sull’agire educativo e individuare strade possibili, e ai bambini e ragazzi, per fornire loro uno spazio di ascolto differente e dedicato. Il supporto consente di ricercare quali siano le motivazioni sottese al malessere vissuto o percepito e quali siano, all’interno del soggetto stesso, le risorse adeguate e possibili per affrontarlo.