NEWS E
ARTICOLI

Intelligenza Emotiva: cos’è e perché se ne parla tanto!!

Oggi vorrei parlarvi di Intelligenza Emotiva e spiegare brevemente cos’è e perché se ne parla così tanto.

Prima di tutto proviamo a trovare una definizione semplice, che riassume ciò che è stato detto negli anni dai diversi studiosi, in poche parole l‘intelligenza emotiva implica la conoscenza delle proprie e altrui emozioni, coinvolge l’abilità di percepirle, valutarle, gestirle, regolarle ed esprimerle, per affrontare le diverse situazioni che si manifestano durante la vita. 

Foto di Gerd Altmann da Pixabay 
Leggi tutto »Intelligenza Emotiva: cos’è e perché se ne parla tanto!!

Educazione e Intelligenza Emotiva: 6 (s)punti per incrementarla

Se nello scorso articolo abbiamo spiegato cos’è l’Intelligenza Emotiva e perché è tanto importante parlarne (qui il link https://www.sarabalducci.it/second/2021/01/14/intelligenza-emotiva-cose-e-perche-se-ne-parla-tanto/ ) ora vediamo come è possibile incrementare questo tipo di intelligenza attraverso 6 piccoli (s)punti.  

Foto di Thanks for your Like • donations welcome da Pixabay 
  1. NOMINARE LE EMOZIONI! E’ importante fin dalla tenera età nominare e conoscere le diverse emozioni. Cerchiamo di non limitarci a dire “sto bene”, “sto male”, “sono triste o felice”, pian piano, con la crescita, andiamo ad approfondire le diverse sfumature emotive che si possono provare. Ad esempio possiamo sperimentare malinconia, paura, nostalgia, solitudine, apatia, noia, senso di colpa, entusiasmo, euforia, desiderio, rabbia, appagamento, soddisfazione e tante altre emozioni! Come ho spiegato nel video e nell’articolo IL VALORE DELLE PAROLE (qui il link https://www.sarabalducci.it/second/2020/04/10/il-valore-delle-parole ), anche saper nominare le emozioni, conoscerle, permetterà a bambini e bambine nonché futuri adulti, di capire cosa accade nel loro mondo interiore e poterne quindi prendere atto. Da non sottovalutare, inoltre, è la diversa intensità delle emozioni, ad esempio, prima di provare un’emozione fortissima come una rabbia accecante, ci saranno altre emozioni precedenti, come l’irritazione, la gelosia, la frustrazione e, a volte, saper gestire i segnali delle nostre emozioni di minore intensità, ci potrà aiutare ad anticipare situazioni più faticose, come un’azione violenza o un’atteggiamento furioso.
Leggi tutto »Educazione e Intelligenza Emotiva: 6 (s)punti per incrementarla

Intelligenza Emotiva: Libri (e non solo) utili per comprendere e riflettere.

Abbiamo parlato un po’ di Intelligenza Emotiva in questi articoli

https://www.sarabalducci.it/second/2021/01/14/intelligenza-emotiva-cose-e-perche-se-ne-parla-tanto/

https://www.sarabalducci.it/second/2021/01/14/educazione-e-intelligenza-emotiva-6-spunti-per-incrementarla/

Ora ecco a voi alcuni libri, giochi o attività per provare ad incrementarla, sia per i più piccoli e piccole, ma anche per operatori ed operatrici del sociale, genitori, consulenti ed insegnanti.

Foto di Marek Studzinski da Pixabay

Il mio primo libro delle emozioni – C. Piroddi, A. Baruzzi. Un libro molto semplice indicato per bambini e bambine di 2-4 anni per approcciarsi in modo molto semplice alle emozioni primarie

Leggi tutto »Intelligenza Emotiva: Libri (e non solo) utili per comprendere e riflettere.

Il fenomeno delle migrazioni, le storie di chi accoglie e le storie di chi parte.

Mi sono laureata in triennale con un indirizzo interculturale, poiché la possibilità di convivere pacificamente in un mondo pieno di persone provenienti da tutto il mondo è per me, da sempre, l’immagine più alta di evoluzione umana.

Ai tempi avevo fatto la mia tesi sul VOLTO DELL’ALTRO IN EMMANUEL LEVINAS e mi sono ritrovata immersa, per lunghi mesi, in un ragionamento meraviglioso rispetto all’alterità dell’Altro, di cosa rappresenta e di quanto l’Altro mi guarda e mi ri-guarda. Il senso di responsabilità verso qualsiasi Altro, verso l’umanità dell’Altro, dovrebbe essere, a mio avviso, la base di ogni principio di civiltà.

Non mi dilungherò oggi su questo aspetto ma vi propongo alcuni libri per capire un po’ di ciò che accade oltre e all’interno dei nostri confini, un viaggio tra le storie, le persone, i paesi, le difficoltà, i dolori, le speranze, l’umanità.

Per chi ha dubbi, per chi non ha più voglia di credere ai luoghi comuni, per chi ha voglia di iniziare a guardare ogni Altro come parte di sé, per chi vuole provare a conoscere invece di giudicare, ascoltare invece di parlare, capire invece di arroccarsi dietro le proprie piccole certezze e convinzioni.. Buona lettura, Buona Umanità.

Sculture dell’artista britannico Jason deCaires Taylor.
Leggi tutto »Il fenomeno delle migrazioni, le storie di chi accoglie e le storie di chi parte.

5 COSE CHE STIAMO INSEGNANDO DIETRO AD UN “SEMPLICE” CLICK.

 

COME L’EDUCAZIONE PASSA ANCHE ATTRAVERSO LE NOSTRE AZIONI IN RETE. 

“Fai agli altri quello che vorresti fosse fatto a te”

La regola d’oro tramandata e riscritta in forme differenti dal 2000 a.C circa ad oggi.

Le dinamiche che vengono innescate online sono spesso, per me, fonte di riflessione e lavoro, soprattutto con gli adolescenti e preadolescenti. Ultimamente però è dagli adulti che ricevo input preoccupanti, perché, a prescindere dal fatto che siano genitori o meno, vedo dilagare in contesti anche differenti modalità comunicative cariche di odio e rabbia. Vorrei quindi riflettere su 5 azioni che si fanno online sulle quali è importante acquisire maggiore consapevolezza, per migliorare le nostre relazioni e modalità educative.

Leggi tutto »5 COSE CHE STIAMO INSEGNANDO DIETRO AD UN “SEMPLICE” CLICK.

ADOLESCENZA: “MANUALI” PER GENITORI STANCHI!

“Mi fa impazzire”, “non la riconosco più”, “esci da quel corpo!!”, “perché non riesco più a capire i miei figli?”, moltissime volte i genitori di figli e figlie adolescenti si sentono in scacco, alcuni comportamenti, che durante l’infanzia erano riusciti in qualche modo a gestire, con l’adolescenza sembrano incontrollabili ed esplosivi.

Qui sotto vi lascio il video e i link dei tre video sull’adolescenza fatti di recente, potete trovare qualche informazione utile e un po’ di consigli pratici!

ADOLESCENZA: TRA CONFLITTI E POSSIBILITA' - 5 (s)punti per capire https://www.youtube.com/watch?v=tCse1cgKxeg  

ADOLESCENZA: TRA CONFLITTI E POSSIBILITA' - SOS RABBIA - 5 (s)punti  https://www.youtube.com/watch?v=AkhfYu4kbnU

In questo articolo invece vi elenco alcuni libri da poter usare per riflettere sull’agire educativo e rispetto alcune difficoltà che si presentano con figli e figlie adolescenti e pre-adolescenti. Prima di elencare i diversi libri premetto che non amo l’uso del maschile generico, come ho usato nel titolo e spesso si trova in questi testi, ma spero che presto una soluzione per colmare questa falla della scrittura possa essere trovata. Ulteriore appunto è che purtroppo non ho trovato nulla ad uso e consumo dei genitori, con taglio prettamente pedagogico. Molto materiale, a mio avviso profondamente interessante, mi sembra più adatto agli addetti ai lavori o alle persone che hanno voglia di fare riflessioni più composite, rischiando però, in un momento di difficoltà e necessità, di risultare forse un po’ troppo verboso. Amo la semplicità ma amo anche la complessità, nel senso etimologico del termine, che implica l’annodare, la rete, il tessuto, che non si può sciogliere se non perdendo la visione d’insieme. La complessità, a mio avviso, è arricchente, perché non si abbandona alle facili semplificazioni, mentre le cose complicate di certo lo sono meno!! Ampliare lo sguardo è spesso una grandissima risorsa, ma magari ne parleremo un’altra volta.

Detto questo, ecco a voi 5 libri per poter affrontate diverse tematiche legate all’adolescenza, dalla più semplici alle più faticose, in modo piuttosto semplice, con consigli pratici e informazioni dettagliate!

Leggi tutto »ADOLESCENZA: “MANUALI” PER GENITORI STANCHI!

Il valore delle parole

“Le parole sono finestre (oppure muri)”.

Marshall B. Rosenberg

In un’epoca dove i social hanno tolto la necessità di rispondere delle proprie parole, dove ognuno si sente libero di scrivere tutto ciò che gli passa per la mente, non importa se fasullo, offensivo o discriminatorio, pare sempre più urgente fare un pensiero rispetto al valore delle parole e, in questo caso, approfondire il loro ruolo all’interno della relazione educativa.

Le parole hanno un enorme valore, poiché ci mettono in relazione con il mondo, forniscono significato a ciò che viviamo e proviamo, aiutandoci a definire pensieri, azioni ed emozioni.

Grazie alle parole possiamo descrivere i nostri desideri, i nostri bisogni e le nostre ragioni, proprio per questo è importante imparare a farlo con un linguaggio positivo, non volgare e non giudicante. Insegneremo così a bambini e bambine il rispetto per loro stessi e per gli altri, insegneremo ad affrontare, in maniera costruttiva, le proprie e altrui fragilità e diversità.

Non giudichiamo le persone ma le azioni! Non bisogna dire a un bambino o ad una bambina, sei stupido, sei una pasticciona, non sei capace ma piuttosto questa cosa è sbagliata o questa azione non si fa. Se definiamo la persona come stupida, incapace e sbagliata stiamo toccando la sua individualità, non le azioni che sta compiendo e questo, lederà la sua autostima, facendo emergere rabbia e tristezza. 

Leggi tutto »Il valore delle parole

SESSO E ADOLESCENZA

Se parlare con i bambini rispetto ai temi della sessualità è una cosa che ci crea qualche difficoltà (non vi preoccupate potete trovare qui il link dove ve ne parlo https://www.sarabalducci.it/second/2019/04/22/ma-come-gliene-parlo/  ) quando occorre approfondire la questione con figli e figlie adolescenti un brivido percorre la schiena, perché ci si rende conto che le nostre care fanciulle e i nostri cari fanciulli potrebbero, da un momento all’altro, trovarsi faccia a faccia con le loro prime esperienze sessuali! Come fare? Spoiler: barricarli in casa non è una soluzione!

Quindi fate un respiro e affrontiamo la realtà: i vostri figli e le vostre figlie crescono e dobbiamo permettere loro di diventare individui consapevoli.

Ho conosciuto moltissimi ragazzi e moltissime ragazze nel mio lavoro e, moltissime volte mi sono trovata di fronte al dolore, alla paura, alla curiosità, ai traumi, a desideri legati alla sessualità. Ho sempre cercato di cogliere tutti i vissuti, ognuno legittimo e profondo, ho sempre cercato di rispondere alle loro domande dove c’erano, dare supporto dove serviva e sostenerl* nel gestirne le conseguenze, dove occorreva.

Ci sono due cose essenziali che come adulti possiamo fare: DECOSTRUIRE un mondo fatto di stereotipi sessuali, violenza, mancanza di rispetto e possessione, rendendoci consapevoli dei messaggi che veicoliamo, e INFORMARE. Giovani preparati e consapevoli assumono, in percentuale, atteggiamenti meno rischiosi per sé e per gli altri.

ECCO QUINDI 5 (S)PUNTI PER AFFRONTARE IL TEMA DELLA SESSUALITA’ CON GLI E LE ADOLESCENTI!

Leggi tutto »SESSO E ADOLESCENZA

Ma come gliene parlo?! Come parlare a bambini e bambine di sessualità e affettività.

Alcuni temi ci mettono in scacco, la sessualità è uno di questi, soprattutto se occorre parlarne con i più piccoli. Per fornirvi qualche supporto in più ho pubblicato, sul sito Mamme Acrobate, qualche consiglio per affrontare con i più piccoli il tema della sessualità.

I bambini e le bambine sono una fonte inesauribile di domande e curiosità, ed è un bene che lo siano! Ma se siamo sempre pronti a rispondere rispetto ad ogni argomento, con grande fierezza quando siamo ben preparati, davanti ad una tematica specifica il corpo si irrigidisce e negli occhi si legge il terrore: la sessualità!

Come gliene parlo ora? Cosa può o non deve sapere mio figlio o mia figlia? Beh, in realtà non bisogna nascondere nulla rispetto alle tematiche relative alla sessualità e all’affettività, vanno semplicemente usati dei termini semplici senza raccontare bugie o invenzioni.

Quindi ecco a voi 6 (s)punti utili per affrontare il tema della sessualità e dell’affettività con i bambini.

Leggi tutto »Ma come gliene parlo?! Come parlare a bambini e bambine di sessualità e affettività.

LIBRI PER IMPARARE … I TEMI della SESSUALITA’ e AFFETTIVITA’

Dai 2 ai 10 anni!

I bambini e le bambine sono una fonte inesauribile di domande e curiosità, ed è un bene che lo siano! Ma se siamo sempre pronti a rispondere rispetto ad ogni argomento, con grande fierezza quando siamo ben preparati, davanti ad una tematica specifica il corpo si irrigidisce e negli occhi si legge il terrore: la sessualità!

Qui vi rimando ad un piccolo articolo con qualche spunto per affrontare il tema con i più piccoli https://www.sarabalducci.it/second/2019/04/22/ma-come-gliene-parlo/

Mentre qui sotto trovate alcuni libri utili per approfondire l’argomento e avere immagini, spiegazioni e supporti per rispondere ad ogni domanda. Buona lettura!!

Premettendo che l’età indicata è consigliata, non vuol dire che vada bene per tutti i bambini e le bambine di quell’età. Ogni persona è differente e per ognuna occorre trovare il libro che più sembra idoneo e indicato. Non è detto che per un bambino di 7 anni non sia indicato un libro per bambini di 9 o per una bambina di 10 non sia indicato un libro per ragazzine di 7. Insomma potete dare un occhio ai diversi libri e capire cosa fa al caso vostro!

Premettendo che l’età indicata è consigliata, non vuol dire che vada bene per tutti i bambini e le bambine di quell’età. Ogni persona è differente e per ognuna occorre trovare il libro che più sembra idoneo e indicato. Non è detto che per un ragazzino di 11 anni non sia indicato un libro per bambini di 9 o per una bambina di 10 non sia indicato un libro per ragazzine di 12. Insomma potete dare un occhio ai diversi libri e capire cosa fa al caso vostro!

Leggi tutto »LIBRI PER IMPARARE … I TEMI della SESSUALITA’ e AFFETTIVITA’

LIBRI PER AFFRONTARE .. Il tema della SESSUALITA’ con gli e le ADOLESCENTI!

Se qui https://www.sarabalducci.it/second/2019/05/07/sesso-e-adolescenza/ abbiamo parlato di come affrontare con ragazzi e ragazze il tema della sessualità, qui sotto troviamo alcuni libri utili per aiutarci a sostenerli in questa meravigliosa scoperta!!

Premettendo che l’età indicata è consigliata, non vuol dire che vada bene per tutti i ragazzi e le ragazze di quell’età. Ogni persona è differente e per ognuna occorre trovare il libro che più sembra idoneo e indicato. Non è detto che per un ragazzino di 11 anni non sia indicato un libro per bambini di 9 o per una bambina di 10 non sia indicato un libro per ragazzine di 12. Insomma potete dare un occhio ai diversi libri e capire cosa fa al caso vostro! Inoltre per gli 11+ potrebbe essere utile qualche libro, indicato per età inferiori, che potrebbe spiegare alcune questioni di base. La conoscenza non è mai troppa!

Leggi tutto »LIBRI PER AFFRONTARE .. Il tema della SESSUALITA’ con gli e le ADOLESCENTI!

Sessualità e Disabilità – Ascolta il Podcast

L’affettività e la sessualità sono fondamentali nella vita delle persone, ma ad alcune, questa naturale espressione di sé viene spesso negata. Ne parlo a SesSos, l’interessante  trasmissione di Radiopopolare presentata da Eleonora Cirant e Chiara Ronzani.

Clicca qui per ascoltare il Podcast

25 NOVEMBRE – PERCHE’ NON ACCADA MAI PIU’

Cosa possono fare le donne per superare situazioni di sopruso? Cosa possono fare le donne per proteggersi? Cosa posso fare le donne per non essere violentate, picchiate o uccise?” 

“Non uscite da sole”, dicono. “Non viaggiate sole”, dicono. “Non vestitevi provocanti”, dicono. “Non uscite la sera”, dicono. “Non bevete”, dicono. “Non rispondete”, dicono. “Non provocate”, dicono. “Tacete”, dicono. “Non lasciatelo”, dicono. “Portate pazienza”, dicono”.

E’ strano! Come se ad una banca dicessero di non tenere troppi soldi nel caveau per evitare che i ladri vadano a rapinarle. MAI come per le vittime di femminicidi c’è questo strano approccio di colpevolizzare in qualche modo la vittima per alleggerire in qualche modo il carnefice.

Leggi tutto »25 NOVEMBRE – PERCHE’ NON ACCADA MAI PIU’

EDUCAZIONE E RELIGIONE: 6 (s)punti per riflettere su discordanza religiosa e genitorialità.

“Il rispetto nasce dalla conoscenza, e la conoscenza richiede impegno, investimento, sforzo".  Tiziano Terzani
Qualche tempo fa mi è stato chiesto un parere rispetto a come fare quando due genitori seguono religioni diverse e non concordano sulla religione che vorrebbero impartire ai propri figli. Specifico che non ho alcuna formazione teologica e per questo non mi addentrerò in questioni di valore, cercherò però, semplicemente, di darvi un parere pedagogico rispetto alle dinamiche che si possono creare in situazioni come queste. Quando si parla di fede, qualsiasi essa sia, entriamo in un campo che si muove tra privato, sociale e culturale, per questo vorrei sottolineare la complessità e la delicatezza del tema. Io esprimerò il mio pensiero in base alla mia esperienza e al mio contesto culturale che ovviamente potrebbe non essere condiviso da altri. Quello che dirò potrebbe essere utile alle famiglie che vogliono raggiungere ad un accordo condiviso nella gestione dell’educazione religiosa e morale dei propri figli, magari facendoli sperimentare anche con pratiche e contesti di entrambe le religioni. 
Vi indicherò, nell'ultimo punto, anche ciò che è emerso, fino ad oggi, a livello giuridico, proprio per dare un contributo su più livelli.
Dopo questa lunga premessa, ecco a voi 6 (s)punti per riflettere insieme su cosa è possibile fare quando due genitori non condividono la stessa religione. 


1. IL BENESSERE PRIMA DI TUTTO! Pare inutile dirlo ma non lo è, il benessere dei vostri figli e delle vostre figlie deve essere la base assoluta delle vostre azioni educative, quindi, una lotta a chi detiene la religione migliore, oltre a essere concretamente impossibile, non farà stare bene nessuno, si creeranno conflitti, divisioni e discussioni difficili da gestire e faticose da vivere.
Leggi tutto »EDUCAZIONE E RELIGIONE: 6 (s)punti per riflettere su discordanza religiosa e genitorialità.

LIBRI PER CONOSCERE.. LE RELIGIONI!

Ho scritto qui ( https://www.sarabalducci.it/second/2020/11/24/educazione-e-religione-6-spunti-per-riflettere-su-discordanza-religiosa-e-genitorialita/ ) un articolo per dare qualche spunto sul cui riflettere in contesti famigliari dove due genitori professano fedi differenti. Qui sotto indico invece alcuni libri utili per conoscere qualcosa in più sulle religioni e i rituali del mondo, tra storia e curiosità!

Foto di Alexas_Fotos da Pixabay

LE RELIGIONI DEL MONDO. Fedi, storia, tradizioni – (V. Palazzolo, V. Savini, G. Ovani) +6

Un libro interattivo che racconta il mondo, le diverse tradizioni, la storie e le religioni. Si trova una breve introduzione alla religiosità in generale e una piccola sezione dedicata ad ateismo e agnosticismo. Si sviluppa in senso cronologico, affrontando aspetti culturali e rituali anche delle religioni animiste, dei popoli indigeni e aborigeni. 

RELIGIONI DEL MONDO – (A. frith, B. Ablett) +6

Un libro per capire quali culti e religioni vengono praticati in tutto il mondo. Non ho trovato molto materiale su questo libro ma pare essere tra i più venduti. 

Leggi tutto »LIBRI PER CONOSCERE.. LE RELIGIONI!

KIT PER AFFRONTARE LA PAURA DEL BUIO e LIBRI UTILI

Se la paura del buio si fa sentire ecco il link per affrontarla

LA PAURA DEL BUIO: 5 (s)punti per affrontarla insieme!

qui sotto invece un piccolo KIT che può essere d’aiuto!!

* alcuni studi hanno dimostrato che dormire al buio è la cosa migliore in assoluto, ma per chi non può farne a meno, di scegliere una lucina rossa e non bianca o blu per evitare di inibire la produzione di melatonina.
https://www.nigms.nih.gov/education/fact-sheets/Pages/circadian-rhythms.aspx

IDEE DA INSERIRE NEL NOSTRO KIT

  • Un peluche con cui dormire: un pupazzo o un peluche rappresenta un forte mediatore della figura genitoriale quindi non solo tiene compagnia ma permette anche di dare sicurezza.
Leggi tutto »KIT PER AFFRONTARE LA PAURA DEL BUIO e LIBRI UTILI

LA PAURA DEL BUIO: 5 (s)punti per affrontarla insieme!

Tutti noi abbiamo avuto paura di qualcosa nella vita, da piccoli, ma anche da grandi. Se ragioniamo bene, avere paura è uno dei sentimenti più faticosi da gestire, la paura ci paralizza, ci toglie il fiato, si presenta senza controllo nella nostra mente. Ma cos’è? La paura è un’emozione primordiale, che permetteva ai nostri antenati di reagire a ciò che si presentava come pericoloso, la paura è un’emozione primaria di difesa, scatenata da una situazione di pericolo che può essere reale, anticipata, evocata dal ricordo o prodotta dalla fantasia ed è qualcosa che può essere tanto utile quanto limitante. 

Ma cosa fare quando i nostri figli e le nostre figlie hanno paura del buio? 

  • PRENDIAMOLA SERIAMENTE! La paura fa paura, ricordiamoci la nostra infanzia ma non solo, la paura dell’ignoto, il brivido che percorre la schiena, il cuore che batte, la paura di morire o di rimanere soli, la doppia mandata della serratura, la luce accesa perché si è sentito un rumore strano.. queste paure non sono capricci, ma emozioni che non fanno vivere serenamente. Avere delle paure è normale, ma ironizzare, giudicare, reagire con superficialità fa sentire i bambini e le bambine non ascoltat*, non accolt* e non fornisce strumenti per superarle davvero. Provare empatia nei loro confronti, sentire davvero l’emozione che provano in quel momento di difficoltà ci permetterà di avere quell’attenzione e quell’ascolto che meritano, arrivando a comprenderne pensieri e bisogni. Dire semplicemente che non ci sono i mostri non aiuta se io penso ci siano, dire di non avere paura non aiuta se io la provo. Accogliamo amorevolmente le paure che ci vengono dette, solo allora saremo pronti per aiutare a gestirle. 
Leggi tutto »LA PAURA DEL BUIO: 5 (s)punti per affrontarla insieme!

LO SPOT #SENZAETA’ o meglio, l’età c’è e va bene lo stesso!

Non ero riuscita prima d’ora a vedere questa pubblicità, ne avevo solo sentito le critiche da più parti. Volevo capirne di più, l’ho vista e non condivido affatto le critiche.  Credo che ad una certa età (nemmeno così lontana) molte donne iniziano a temere gli anni che passano, vedono il loro corpo cambiare, invecchiare e perdere le qualità che per secoli sono state valorizzate. Il corpo femminile è da sempre al centro dell’attenzione e della cosa pubblica, qualcosa da coprire, qualcosa da esporre, qualcosa da scambiare, qualcosa da desiderare, qualcosa da dover mantenere intatto, piacevole, privato, pubblico, peccaminoso, qualcosa da possedere. 

Leggi tutto »LO SPOT #SENZAETA’ o meglio, l’età c’è e va bene lo stesso!

Adolescenti e DAD: spunti di riflessione

I più giovani e le loro famiglie, negli ultimi tempi, hanno sperimentato qualcosa di assolutamente nuovo, un’isolamento forzato, una scuola totalmente a distanza e nuove modalità relazionali. Cosa si può fare per ritrovare un equilibrio differente, cosa è la Didattica A Distanza, come affrontare questo periodo storico e come trovare risposte quando certezze non se ne hanno? Ecco a voi alcuni spunti per riflettere insieme!

Questo strano periodo chiamato adolescenza!

Quante cose possono cambiare nella fase adolescenziale? Quanto è ricca di potenzialità e quanto mette in difficoltà le generazioni adulte da sempre? Ecco alcune riflessioni sul mondo degli adolescenti e non solo..

SEX FOR ALL – Sessualità e sensualità oltre gli stereotipi, oltre le barriere

L’8 ottobre 2020 alle 14.30 in occasione de I TALENTI DELLE DONNE, promuoverò, con Anna Castagna e Debora Cordeschi, un momento di riflessione e condivisione dove affrontare il tema della sessualità e dell’affettività superando stereotipi comuni legati all’apparenza, alla disabilità fisica e cognitiva.

Spesso si pensa che la sessualità sia qualcosa di impossibile o si rifuggono relazioni sessuali e amorose per paura o senso di inadeguatezza. In questo incontro vorremmo aprire orizzonti, fornire strumenti, accrescere consapevolezze.

Condurranno l’incontro:

Sara Balducci, consulente pedagogica e ideatrice di Progetto Disex : esplorare e comprendere il tema della sessualità e dell’affettività nella disabilità cognitiva.

Debora Cordeschi ideatrice del progetto Imperfetta ma Sexy.

Anna Castagna, educatrice e consulente sessuale.

Ingresso gratuito previa prenotazione su https://www.eventbrite.it/…/biglietti-rete-al-femminile…

Evento fb https://fb.me/e/1XQhjsrOP

Posti Limitati: prenotare se si è sicuri di partecipare per non precludere altre persone.

Vorrei una politica pedagogica.

Foto di congerdesign da Pixabay

 

E’ qualche tempo che penso a come scrivere alcuni pensieri, il terrore di essere retorica, anacronistica, fraintesa mi ha accompagnato per un po’. 

In questo ultimo periodo si parla di regolarizzazione dei lavoratori agricoli, dello sfruttamento, delle condizioni di miseria, del degrado e delle condizioni disumane presenti in moltissimi campi. Si parla anche di tutti gli esseri umani presenti sul territorio, le persone che si occupano delle nostre case, dei nostri nonni, che costruiscono le nostre abitazioni, che lavorano e vivono, tutto questo senza riconoscimento alcuno. 

Vedo commenti rabbiosi al riguardo, come se il fatto di nascere in un paese povero ti tolga il diritto di equa retribuzione, esistenza e dignità. 

Qualche giorno fa ho rivisto Pane e Libertà, un vecchio film che racconta la vita di Giuseppe Di Vittorio, nato a Cerignola, in Puglia, terra natale dei miei nonni paterni. Ricordo che il mio bisnonno, Michele Balducci, me ne aveva parlato, era un suo compagno, un amico, un bracciante, avevano preso la licenza di terza elementare insieme. “Peppino passava ogni momento sui libri e aveva fatto di tutto per creare una piccola scuola serale per tutti quelli che non sapevano né leggere né scrivere”, raccontava. Che lusso poter studiare, quanto amore per i libri e per le parole. 

Quando Di Vittorio ha iniziato a promuovere lo sciopero per chiedere ai baroni e ai principi delle condizioni migliori per tutti i lavoratori sfruttati, un pochino di cibo in più (un pezzo di pane messo in acqua calda e un goccio di olio erano troppo poco per persone che lavoravano 12/13 ora al giorno), qualche lira aggiuntiva e iniziava ad essere ascoltato dai braccianti, hanno provato a farlo tacere, a rimettere tutti in riga, con la violenza, con i fucili. Di Vittorio era diventato una persona pericolosa, da fermare, da arrestare, un ricercato. 

Leggi tutto »Vorrei una politica pedagogica.

Tre incontri per parlare di…

Il 19 settembre 2020 Un tè con la pedagogista vi offrirà un momento di discussione partendo dalle vostre esperienze, un momento di gruppo per affrontare dinamiche relazionali, dubbi e fatiche che spesso sono presenti in tutte le famiglie. Un momento di confronto, di crescita e di relax, dove prendersi un paio d’ore e chiacchierare in uno “spazio” (anche se virtuale) protetto e non giudicante.

il 24 ottobre 2020 parleremo di Compiti a casa per evitare che un momento di routine e quotidiano sia sempre percepito come una corsa ad ostacoli. Piccoli suggerimenti per comprendere meglio come gestire i compiti a casa e come riuscire a viverli con maggiore serenità e autonomia.

21 novembre 2020 si parlerà di Minori tra smartphone e web approfondendo alcune tematiche legate alle abitudini dei giovani, i rischi e le conseguenze di un uso scorretto di strumenti che, di per sé, sono utilissimi ma possono trasformarsi in una gabbia un po’ troppo stretta.

Per informazioni non esitate a contattarmi su fb @sarabalducci.pedagogista o su info@sarabalducci.it.

A prestissimo!!

Archivi